Ti trovi in:

Home » Amministrazione Trasparente » Disposizioni generali » Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

Menu di navigazione

Amministrazione Trasparente

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

di Lunedì, 04 Dicembre 2017
Contenuto dell'obbligo

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza e suoi allegati

Riferimenti normativi
Ai sensi della l.r. n. 10/2014 e ss.mm., art.10, co. 8, lett. a), d.l.gs. n. 33/2013 e ss.mm.

Premesso che:

- le norme anticorruzione nella Pubblica amministrazione (P.A.) prevedono misure di prevenzione che ricadono in modo notevole e incisivo sull’organizzazione e sui rapporti di lavoro di tutte le amministrazioni pubbliche e degli enti territoriali.

- anche che i temi della trasparenza e della integrità dei comportamenti nella P.A. paiono sempre più urgenti, anche in relazione alle richieste della comunità internazionale (OCSE, Consiglio d’Europa, ecc.).

 

Dato atto che è vigente anche per i Comuni della Provincia di Trento la Legge 06.11.2012 n. 190 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”.

 

Considerato che la norma in parola ha imposto a tutte le Pubbliche Amministrazioni di dotarsi di Piani di prevenzione della corruzione quali strumenti atti a dimostrare come l’ente si sia organizzato per prevenire eventuali comportamenti non corretti da parte dei propri dipendenti. 

 

Visto l’art. 1, comma 7 della L. 190/2012 che testualmente recita “a tale fine, l’organo di indirizzo politico individua, di norma tra di dirigenti amministrativi di ruolo di prima fascia in servizio, il responsabile della prevenzione della corruzione. Negli enti locali, il responsabile della prevenzione della corruzione è individuato, di norma, nel Segretario, salva diversa e motivata determinazione.”  

 

Ricordato anche che al successivo comma 8, art. 1 della L. 190/2012 si prevede che “L'organo di indirizzo adotta il Piano triennale per la prevenzione della corruzione (PTPC) su proposta del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza entro il 31 gennaio di ogni anno e ne cura la trasmissione all'Autorità nazionale anticorruzione.”.

 

Visto il D.Lgs. 25 maggio 2016, n. 97 «Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell'articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche».

 

Considerato che la nuova disciplina persegue, inoltre, l’obiettivo di semplificare le attività delle amministrazioni nella materia, ad esempio unificando in un solo strumento il PTPC e il Programma triennale della trasparenza e dell’integrità (PTTI) e prevedendo una possibile articolazione delle attività in rapporto alle caratteristiche organizzative (soprattutto dimensionali) delle amministrazioni. In ambito regionale sul Bollettino ufficiale della Regione autonoma T.A.A. n. 50 di data 15 dicembre 2016, numero straordinario n. 1, è stata pubblicata la legge regionale 15 dicembre 2016, n. 16 che ha adeguato la normativa regionale in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, alle novità introdotte dal decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97 (Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche). Detta legge regionale n. 16/2016 è entrata in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione (16 dicembre 2016).

 

Richiamate le deliberazioni giuntali:

- n. 05 dd. 29.01.2014 con la quale si provvedeva all’approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione (2014/2016), la n. 05/2015 di data 29.01.2015 con la quale si aggiornava il piano (2015/2017), la n. 03/2016 del 29.01.2016 con la quale si aggiornava il piano 2016-2018 e la n. 07/2017 del 30.01.2017 con la quale si aggiornava il piano 2017-2019.

 

Dato atto che ai sensi di il Comune di Spiazzo ha provveduto ad aggiornare il Piano Triennale di prevenzione della corruzione

 

Il responsabile per la trasparenza del Comune di Spiazzo è il Segretario generale, dott. Mauro Bragagna

 

Tutta la documentazione è consultabile al seguente link http://www.comune.spiazzo.tn.it/Amministrazione-Trasparente/Altri-contenuti/Prevenzione-della-Corruzione

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam